Indice di Ricerca: maschio


emu

Dal quotidiano La Stampa di venerdì 2 settembre 2016:

È un animale tipico dell’Australia, simile allo struzzo, probabilmente sfuggito a un ignoto “appassionato”

02/09/2016
LORENZO BORATTO
LEQUIO BERRIA

Un emù (Dromaius novaehollandiae) che girava libero in località Laparea, nel territorio del Comune di Lequio Berria: l’animale, segnalato dai residenti, è stato catturato dal personale del Servizio di vigilanza faunistico ambientale della Provincia.
Si tratta di un uccello tipico dell’Australia, appartenente alla famiglia degli struzzi ed è presumibilmente fuggito a qualche ‘amatore’ o a un allevamento. L’operazione di recupero è stata svolta in collaborazione con il Centro recupero animali selvatici di Bernezzo, dove adesso l’animale è ospite, in attesa che si trovi il proprietario. L’animale è un maschio, è stato battezzato “Emilio”, mangia granaglie e alcuni mangimi appositi.
Non solo non sono pervenute segnalazioni di smarrimento dell’animale, ma anche gli allevamenti di struzzi della zona hanno confemato di non avere emù e non ci sono neppure segnalazioni ai carabinieri o ai servizi veterinari locali dell’A.S.L.
La Provincia invita il proprietario a contattare gli Uffici vigilanza provinciali al numero 0171-445254.

XII Festa del Parco Fluviale Gesso & Stura

Come nelle passate edizioni, anche quest’anno il Centro parteciperà martedì 21 giugno alla Festa del Parco Fluviale Gesso & Stura, liberando alcuni rapaci notturni, curati e riabilitati, presso l’area relax sottostante il Santuario della Madonna degli Angeli, nel comune di Cuneo, secondo il seguente programma di massima: in particolare, ritroveranno la via verso la libertà un gufo comune (Asio otus) maschio, e tre civette (Athene noctua), di cui due femmine ed un maschio.

12festadelparco

Recuperato e Liberato Tasso a Carrù

tassorecuperato

Grazie alla tempestiva collaborazione degli amici della sezione L.I.D.A. di Carrù, Mondovì e Ceva, è stato possibile recuperare un maschio adulto di tasso (Meles meles) precipitato in un corso d’acqua nel Comune di Carrù, ferito alla schiena da un altro individuo.

Il mustelide ha risposto molto bene alle cure prestate e, dopo qualche giorno, la sua rapida ripresa ha permesso la liberazione dell’esemplare.

In data Lunedì 18/01/2o16 sono stati liberati:

  • un esemplare femmina adulta di astore (Accipiter gentilis), pervenuta in seguito ad un impatto contro un ostacolo nel centro del comune di Boves, che presentava una lesione all’ala sinistra, e dopo circa un mese di degenza si dimostrava completamente ristabilita;
  • un esemplare di sparviere maschio (Accipiter nisus) proveniente dal CRAS E.N.P.A. di Savona con una brutta lacerazione al gozzo causata probabilmente da uno scontro con un suo simile; in seguito a sutura e cure ha potuto nuovamente ritrovare la libertà.

La liberazione è avvenuta all’interno del parco fluviale Gesso e Stura, su autorizzazione del Servizio Vigilanza Faunistico Venatorio della Provincia di Cuneo.

DSCN93071   DSCN93041

Liberata Donnola

donnola-01-11-15

La donnola (Mustela nivalis) immortalata sull’annuale tessera d’iscrizione è stata liberata in data odierna nell’area di ritrovamento, classificata come Zona di Protezione Speciale (ZPS).
Si è trattato di un giovane maschio recuperato dal Centro su richiesta di privati, in quanto vittima di un’aggressione felina. La non facile riuscita della sua riabilitazione, a causa dell’infezione alla ferita provocata dal morso del gatto, e l’estrema rarità della specie, molto meno diffusa dell’ermellino (Mustela erminea), rendono ancora eccezionale il lieto fine della sua storia.

astore

Favorite dalle temperature più miti, proseguono le liberazioni degli ospiti invernali del Centro. Lo scorso 12 marzo gli operatori del CRAS sono infatti ritornati all’Oasi Naturalistica La Madonnina, sita nel Comune di Sant’Albano Stura, per procedere alla liberazione di un capriolo femmina (Capreolus capreolus), un astore maschio (Accipiter gentilis) e tre storni (Sturnus vulgaris).

Liberato Capriolo all’Oasi della Madonnina

capriolomadonnina

Un giovane maschio di capriolo (Capreolus capreolus) curato, riabilitato e munito di marca auricolare dagli operatori del CRAS è stato liberato oggi presso l’Oasi Naturalistica La Madonnina sita nel Comune di Sant’Albano Stura.

Ricoverati Due Procioni al Centro

procioni

Due maschi adulti di procione (Procyon lotor) sono stati affidati al Centro da parte del personale addetto alla gestione delle risorse naturali del Parco Adda Nord, nella Città metropolitana di Milano.
La cattura, la sterilizzazione ed il loro contenimento presso le strutture del Centro si sono resi necessari in quanto tali esemplari erano ormai divenuti abituali frequentatori di abitazioni private poste all’interno del territorio del parco.
Il procione costituisce infatti una delle tante specie c.d. aliene o alloctone, le quali, pur non originarie di un dato ecosistema, vi si sono nondimeno insediate, alterandone l’equilibrio e provocando pesanti conseguenze per la comunità biologica autoctona.

Ricoverato Cucciolo di Cinghiale

cinghiale

Un piccolo maschio di cinghiale (Sus scrofa) ,bisognoso di cure a seguito d’investimento nel comune di Sommariva Perno, è stato consegnato oggi al Centro da parte delle autorità preposte.

Malgrado l’attuale penuria di risorse pubbliche orienti le Amministrazioni alla salvaguardia delle sole specie particolarmente protette, a questo sfortunato esemplare di una specie tradizionalmente considerata ‘nociva’, oltretutto oggetto di un piano straordinario di abbattimento provinciale, verranno dedicate le medesime cure ed attenzioni di qualsiasi altro ospite del C.R.A.S. di Bernezzo.

Realizzato grazie a WordPress | Tema: Motion di 85ideas | Copyright © Centro Recupero Animali Selvatici | Tutti i Diritti Riservati.
  • RSS
  • Facebook
  • Flickr
  • DeviantArt
  • YouTube

Continuando ad utilizzare il sito, acconsentite all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Le impostazioni di questo sito permettono i cookie per darvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccando il sottostante bottone 'Accetto' acconsentite alle suddette impostazioni.

Chiudi