Indice di Ricerca: Cuneo


I Regali di Natale del C.R.A.S.

Con l’avvicinarsi del Natale, vi proponiamo alcune idee regalo per sostenere l’associazione Centro Recupero Animali Selvatici e contribuire così alla salvaguardia della fauna selvatica.
Tutti gli articoli elencati possono essere ordinati ai consueti recapiti telefonici o via e-mail e ritirati direttamente presso la sede principale del Centro a Bernezzo in Via Alpi n. 25, oppure spediti a mezzo posta, con costi da determinare in base ai singoli ordinativi.

Con quote giornaliere variabili dal tipo di animale, potete adottare a distanza uno dei nostri ospiti. Potrete seguire la sua guarigione e sarete invitati alla sua liberazione. Se è fra gli animali non liberabili potrete, secondo le modalità indicate dagli Operatori del Centro, passare del tempo con lui. In questo modo si contribuisce al sostentamento del Centro con il puro costo dell’alimentazione giornaliera e l’affitto delle strutture, vista la gratuità del servizio svolto da volontari. L’adottante riceverà via e-mail il relativo certificato di adozione, con la fotografia dell’animale adottato, e verrà tenuto informato sulle variazioni di salute o del suo eventuale decesso.

Adottare un animale non è difficile: basta contattare il Centro ai consueti recapiti o, se possibile, recandovisi di persona, per individuare gli animali attualmente adottabili. Una volta saputa la storia dell’animale e quando la decisione sarà definitiva, verrà stipulato un contratto di adozione a distanza, che ci aiuterà a contribuire al benessere dell’animale.

A questo punto viene versato il contributo (mensile, trimestrale, semestrale o annuale), che può essere in contanti, con assegno o con versamento sul conto corrente bancario, utilizzando i dati riportati nel box a fianco. Nei limiti previsti dalla Legge, le adozioni sono deducibili.

Eccovi di seguito una tabella esemplificativa dei costi d’adozione per categoria di specie. Eventuali casi particolari potranno essere comunque concordati coi responsabili del Centro.

Tipo di Animale Costo Mensile
Passeriformi € 10,00
Rapaci Piccoli € 15,00
Rapaci Grandi € 20,00
Mammiferi Medi & Piccoli € 20,00
Mammiferi Grandi €30,00

Maggiori Informazioni


Tesseramento

L’iscrizione annuale, oltre a contribuire sensibilmente al benessere degli animali ospitati, conferisce il diritto di partecipazione all’Assemblea Sociale, nonché la possibilità di accedere alle sedi del CRAS, essere informati, aggiornati e coinvolti nelle attività del Centro.
I soci ordinari partecipano attivamente alle iniziative dell’Associazione tramite forme di attivismo a distanza, anche in modo saltuario, e frequentano corsi di aggiornamento per il recupero, la salvaguardia ed il benessere della fauna selvatica.


Calendario del C.R.A.S. 2018

Con un’offerta minima di € 5,00 più eventuali spese di spedizione è possibile acquistare Piccoli Selvatici Crescono…, il calendario fotografico del C.R.A.S. per l’anno 2018, dedicato ai cuccioli del Centro.

Ordina via E-mail


Libro Tutti No, Ma Questo Sì di Elisa & Sonia Ricci

Edito dalla casa editrice Araba Fenice, “Tutti no, ma questo sì” è un libro illustrato per ragazzi, realizzato da Elisa e Sonia Ricci, che racconta una storia sull’amicizia tra uomini ed animali per grandi e piccini, basato sulle esperienze realmente vissute dalle autrici al C.R.A.S. di Bernezzo, a cui sarà devoluto il ricavato dalla vendita di ciascuna copia, al prezzo di € 13,00 più eventuali spese di spedizione.

 

 

 

 

 

 


Libro Il Viaggio di Sebastian

Il viaggio di Sebastian”, scritto ed illustrato dagli studenti delle Scuole Tecniche San Carlo di Cuneo, è un libro che accompagna i bambini nel mondo degli animali selvatici, in compagnia dello scoiattolo Sebastian per conoscere l’importanza della fauna ed il ruolo del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo.
Con un’offerta libera, può essere ritirato direttamente presso la sede del Centro o spedito a mezzo posta.

 

 

 

 

 

 


Libro Quattro Scimmie a Cuneo

Edito dalla casa editrice Triskel, “Quattro scimmie a Cuneo” narra le esperienze di amicizia interspecie e miglioramento del benessere psicosociale vissute al C.R.A.S. dalla Dott.ssa Mariangela Ferrero, psicologa e psicoterapeuta che si occupa del miglioramento del benessere psicologico e relazionale dei primati nelle condizioni di cattività e post-traumatiche. In particolare, racconta la storia della relazione affettiva sviluppata dall’autrice con quattro bertucce (Macaca sylvanus): Gepu, Striscia, Ciccio e Citina. Individui dalla psicologia e socialità complesse, orfani, maltrattati e privati della libertà, con i quali l’autrice ha vissuto e tuttora condivide tante e diverse emozioni. Il libro può essere ritirato o ordinato alla sede di Bernezzo al prezzo di € 14,00 più eventuali spese di spedizione.

 

 


Bomboniere, Inviti & Segnaposti

Grazie all’idea delle talentuose sorelle autrici del libro “Tutti no, ma questo sì” Elisa e Sonia Ricci, se siete una coppia in procinto di sposarsi o avete in programma un evento da celebrare, potete scegliere bomboniere, inviti e segnaposto solidali, realizzati interamente a mano e personalizzabili, il cui ricavato dalla vendita verrà devoluto totalmente al C.R.A.S.! Un gesto benefico da portare nel cuore per rendere un’occasione speciale ancora più unica!

 

 

 


Compilate il seguente modulo per richiedere maggiori informazioni:

* indicates required field

Powered by Fast Secure Contact Form

XIX Fiera Nazionale del Marrone

Come nelle precedenti edizioni, anche quest’anno, in occasione della XIX Fiera Nazionale del Marrone, il Centro allestirà uno stand in Via Roma nel centro storico di Cuneo da venerdì 13 domenica 15 ottobre 2017, dove i visitatori della manifestazione potranno dialogare con gli operatori e ricevere materiale informativo in formato cartaceo e video.

Quando Cultura ed Animali si Incontrano

E se animali e cultura si incontrassero in un bel connubio faunistico-letterario? È successo così con il CRAS di Bernezzo, che ha visto pubblicati ben tre libri sul tema degli animali selvatici. Il noto 25 Grammi di Felicità del Dott. Massimo Vacchetta, responsabile della sede distaccata del C.R.A.S. Centro Recupero Ricci La Ninna di Novello, e di Antonella Tomaselli che sta avendo un enorme successo in tutte le librerie fisiche ed online. Il Viaggio di Sebastian, scritto ed illustrato dagli studenti del primo anno delle Scuole Tecniche San Carlo di Cuneo e disponibile, non in vendita, presso il CRAS e gli stand fieristici ad esso dedicati. E la nuovissima uscita Tutti No, Ma Questo Sì scritto ed illustrato da Elisa e Sonia Ricci ed edito da ArabAfenice, che narra di una bambina che si confronta con la realtà del CRAS in un racconto tra l’amicizia tra uomini ed animali, il cui ricavato delle vendite andrà interamente devoluto al CRAS.
Si tratta di libri che vogliono divulgare l’attività del Centro di Recupero in un modo alternativo, che avvicini sia i grandi che i piccoli, divertendo ed emozionando anche i più restii a questi argomenti. E per quanto il mondo dei C.R.A.S. sia burocraticamente complicato, spesso frustrante ed avvilente quando non si riesce a mettere in salvo gli animali, e faticoso per l’assistenza costante che richiedono gli ospiti degenti, questi libri aiutano a vedere la parte migliore della nostra attività, ciò che di bello possiamo fare con il nostro operato!
In più gli animali selvatici sono i protagonisti migliori di queste storie, perché offrono una varietà di caratteristiche, personalità, comportamenti che conquistano il lettore con le loro peculiarità. Gli autori di questi tre libri sono riusciti a cogliere la bellezza che risiede nella fauna selvatica ed a raccontarla e illustrarla al meglio, offrendo le loro capacità non indifferenti di scrittura e disegno e dedicando il loro tempo alla buona causa del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo.
Per conoscere meglio questi libri e il grande lavoro che è stato fatto per realizzarli, il CRAS ha pensato a degli eventi di promozione: per il libro curato dal Dott. Massimo Vacchetta sono già state fatte molte presentazioni pubbliche sia in radio che in TV e che sono reperibili su internet; Il Viaggio di Sebastian, che di lettori ne ha già incontrati molti (2000 bambini delle scuole primarie e dell’infanzia della Provincia di Cuneo), è stato presentato in veste alternativa il 3 giugno presso l’Orto Didattico del Parco fluviale Gesso e Stura, durante l’evento di apertura straordinaria dell’orto stesso, in cui i volontari del CRAS hanno recitato la storia del libro portando in scena personaggi ed eventi del racconto; infine, per il libro Tutti No, Ma Questo Sì è stato possibile partecipare alla presentazione ufficiale presso il CRAS di Bernezzo il 10 giugno, in compagnia delle autrici e dell’editore, con giochi per bambini, un piccolo rinfresco e la possibilità di visitare le strutture del Centro.

Visto il successo ottenuto, il libro sarà ripresentato stasera giovedì 29 giugno alle ore 20.40 a Gaiola, in compagnia del sindaco Fabrizio Biolè.

Insomma, la cultura al CRAS non manca e ci auguriamo che possa diventare un mezzo artistico e creativo per raggiungere più persone possibili e insegnare loro la bellezza degli animali selvatici. Per informazioni sugli eventi e altre notizie vi invitiamo a visitare, oltre al nostro sito, anche la pagina Facebook CRAS Centro Recupero Animali Selvatici- Provincia di Cuneo, oppure chiamandoci allo 017182305.
Vi aspettiamo numerosi!

Dal quotidiano online Targato CN di domenica 16 aprile 2017:

Un drago barbuto “a spasso” per Cuneo: si trovava su un marciapiede di corso Vittorio Emanuele

Sono intervenuti gli agenti delle Volanti, che hanno subito chiamato il CRAS di Bernezzo. L’animale è stato recuperato e portato presso il centro

Lo scorso 16 aprile, giorno di Pasqua, personale del CRAS di Bernezzo (Centro recupero animali selvatici) è intervenuto in Corso Vittorio Emanuele, all’altezza del civico 28. Verso le 15, infatti, è arrivata una telefonata da parte degli agenti della Questura, che hanno contattato il CRAS per recuperare un non ben identificato rettile.
Giunti sul posto, attorniati da un gruppo di persone e in presenza degli agenti, il personale del CRAS ha constatato che si trattava di un drago barbuto (Pogona vitticeps), probabilmente fuggito o abbandonato da qualcuno.
Si tratta di animali piuttosto diffusi in commercio, soprattutto per il carattere docile e la facile adattabilità alla vita in cattività: in buone condizioni possono vivere dai 15 ai 20 anni. Da adulti possono arrivare a misurare tra i 560 e gli 80 centimetri.
L’animale è stato recuperato e portato presso la sede del CRAS di Bernezzo, dove è stato stabulato in una teca e nutrito con tarme della farina (Tenebrio molitor), cibo di cui è ghiottissimo.

Dall’edizione online de La Stampa di martedì 18 aprile 2017:

Recuperato un «drago barbuto» nel centro di Cuneo

Il rettile era sul marciapiede di corso Vittorio Emanuele II. È intervenuta la polizia

LORENZO BORATTO
CUNEO
È durata due giorni la fuga di Lear, «drago barbuto» di 40 centimetri: un rettile a sangue freddo originario dell’Australia e custodito in una teca al centro d’aggregazione giovanile «Qi» di corso Vittorio Emanuele II. Sono stati alcuni passanti a vederlo a Pasqua alle 15:30 sul marciapiede dall’altra parte della strada rispetto al centro giovanile. Hanno chiamato il numero di pronto intervento e la Volante ha allertato i volontari del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo. Si tratta di un animale docile e allevato in Europa da collezionisti. I volontari l’hanno portato a Bernezzo, dove è stato nutrito con tarme di farina. Il proprietario, un quarantenne cuneese, ha contattato il Cras ed è andato a ritirare il rettile.

cucciolo-di-martora

Dal sito di LifeGate di venerdì 9 settembre 2016:

Una giornata al Cras di Bernezzo, là dove si curano le aquile
BRUNELLA PACIELLO

Nel Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo si curano e restituiscono alla vita esemplari della fauna selvatica italiana. Dalle aquile ai cerbiatti.

Fra le montagne di Cuneo si narra ancora una vicenda che ha per protagonista una cerbiatta, salvata da piccola e da dodici anni ospite del Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS) di Bernezzo gestito da Remigio Luciano, un eroe contemporaneo che sta ‘dalla parte degli animali’ e salva e accudisce esemplari selvatici di ogni taglia e specie. Sono più di 1.200 i salvataggi che il CRAS di Bernezzo porta a termine ogni anno: dalle volpi (Vulpes vulpes) ai cervi (Cervus elaphus), passando per rapaci di ogni specie e dimensione. Nato nel 1985, il Centro sorge fra le montagne di Bernezzo, un piccolo centro sulle montagne che circondano Cuneo. Luciano, a quei tempi, era il gestore dello zoo della cittadina piemontese, poi smantellato perché il Comune non rinnovò la convenzione. Il grande rischio dell’operazione fu, come sempre, a carico degli animali. C’era la paura che potessero essere abbattuti o finire in cattive mani. “La mia famiglia però – narra oggi Luciano – possedeva una casa a Bernezzo ed è lì che trasferimmo gli esemplari dello zoo, dando loro riparo e assistenza”.

Il CRAS e gli animali selvatici
Il CRAS di Bernezzo è uno dei centri di recupero in Italia dove vengono ospitati e curati animali selvatici di ogni tipo. Nel Centro, oltre a Luciano Remigio che ne è il responsabile, lavorano due persone part time (Matteo Parola ed Elisa Marino) e altre quattro attraverso il Servizio civile nazionale.
“Ci avvaliamo – continua Luciano – anche di tre veterinari che operano gratuitamente a seconda delle competenze professionali visto che gli animali ‘salvati’ dal CRAS sono di specie diverse e necessitano di cure differenti e specialistiche”. Nel 2001 la Provincia di Cuneo ha autorizzato il Centro a operare per il salvataggio e la custodia dei selvatici.
“Il Cras dovrebbe essere interamente sovvenzionato dalle istituzioni dello Stato che si occupano di tutelare la fauna. Purtroppo ciò non avviene regolarmente così a volte passano anni senza ricevere alcun compenso per le spese vive. Riusciamo a sopravvivere grazie all’intervento di alcuni Comuni, alle donazioni dei privati e al 5×1000 che per noi è davvero una boccata d’ossigeno”.

Aquile e falchi, martore e cerbiatti
Le specie soccorse e curate sono davvero tante. “I pericoli per i selvatici sono molti – aggiunge Luciano –, dall’inquinamento ai pesticidi, dalla caccia ai fili dell’alta tensione, dalle auto alle tagliole e veleni. Poi ci sono i bocconi intrisi di veleno lasciati sul terreno per i lupi (Canis lupus) che contribuiscono ad avvelenare i rapaci e gli altri volatili della zona”.
Le storie dei rapaci recuperati si rincorrono nei racconti di Luciano, tra vicende tragiche e felici, animali che non ce l’hanno fatta e altri che si sono salvati. Un esemplare di aquila reale (Aquila chrysaetos) è stato recuperato in val di Maira, un’altra in valle Stura. Entrambe le aquile erano fortemente debilitate e denutrite. Non ce l’hanno fatta nonostante le cure amorevoli dei volontari e dei veterinari del centro. Si è salvato invece un biancone (Circaetus gallicus), la cosiddetta aquila dei serpenti, trovato ferito in val Tanaro. Dopo le cure (aveva un problema alla pupilla) è stato restituito ai cieli della valle.
Per Luciano ogni animale ha una storia, una vicenda che si snoda nel tempo. C’è il picchio nero (Dryocopus martius), la faina (Martes foina) e la simpatica averla (Lanius sp.). Persino una scimmietta (Macaca sylvanus), Citina, è stata ritrovata legata a un’antenna della tv in un palazzo a Cuneo e prontamente recuperata e curata.
“Salviamo gli animali, organizziamo iniziative didattiche”, conclude Remigio Luciano. “Siamo un buon punto di monitoraggio della fauna. Amiamo quello che facciamo e ogni salvataggio è una soddisfazione, Una vittoria per chi ama il territorio e i suoi abitanti”.

La storia della cerva Minerva
La cerbiatta Minerva è la mascotte del CRAS. Ritrovata cucciola di pochi giorni, con ferite e una parziale amputazione dell’arto sinistro. È stata soccorsa e ricoverata al Centro, sottoposta a una delicata operazione che però non le ha salvato la zampina. Un socio del CRAS la portò a casa appena guarita, le costruì una capanna con una soffice lettiera nel parco che circondava la sua villa in montagna Minerva, però, non si adattò e soffriva per la lontananza dal Centro e dai suoi salvatori. Rifiutava di mangiare e si lamentava costantemente. Preoccupati per la sua salute Luciano e i veterinari la riportarono indietro nella sua vecchia stalla.
Da allora sono trascorsi dodici anni. Oggi Minerva accoglie i visitatori del Centro, affabile e curiosa, trascinandosi dietro il suo arto inutilizzato. Dà il suo personale benvenuto ai nuovi ospiti e ogni giorno le vengono riservate ghiottonerie e carezze. “Resterà sempre con noi a simboleggiare le nostre vittorie e a testimoniare la gratitudine che ci riservano questi piccoli amici”.

In occasione del primo raduno cuneese del Lambretta Club, previsto per domenica 10 luglio 2016, con partenza da Cuneo alle ore 10:00, verrà liberato a Castelmagno, alle ore 13:00 circa, il biancone (Circaetus gallicus) che per ben due volte è stato curato e riabilitato dagli operatori del Centro.
All’evento sono invitati tutti i soci, i sostenitori e gli amici del C.R.A.S.; chiunque desideri partecipare al pranzo organizzato in loco può contattare direttamente il Lambretta Club ai recapiti indicati dal sottostante programma della manifestazione:

Il percorso prevede la risalita della Val Grana, con partenza da Cuneo (550 s.l.m.) alle ore 10 e arrivo previsto a Castelmagno (1760 s.l.m.) alle ore 12.00. Si attraverseranno le località di Caraglio, Monterosso Grana, Pradleves e Capo Molino, dove si potrà far riposare i mezzi e si affronterà la salita finale lunga 6 km, con pendenza media del 12%. Una volta giunti al santuario, si potrà effettuare la visita guidata della famosa cappella del sec. XV; seguirà la liberazione di alcuni rapaci, a cura del C.R.A.S. (Centro Recupero Animali Selvatici) di Cuneo. Ci si trasferirà poi, con una discesa 2 km, presso l’agriturismo “La meiro” dove si visiteranno le grotte di stagionatura del formaggio Castelmagno e si pranzerà con cibi preparati con questo pregiato prodotto del territorio. Il rientro è previsto per le ore 16.00 circa. A tutti i partecipanti verrà consegnato, alla partenza, un pacco contenente prodotti biologici offerti dagli organizzatori.

Nel corso del pranzo verranno sorteggiati premi a sorpresa.

Costo per partecipante: 25,00 euro

Prenotazioni entro il 06/07/2016

Dario Saporita 344 2812530 – presidente@lambrettaclubpiemontevda.it

Alessandro Monti 335 6469323 – info@montisportcom

 

Dal quotidiano La Stampa di martedì 21 giugno 2016:

Rapaci e selvatici rimessi in libertà nel Cuneese

Stasera la festa al Parco Fluviale di Cuneo Il Centro recupero animali di Bernezzo (CN) è nato nel 1985. Stasera Remigio libererà tre rapaci

21/06/2016
PAOLA SCOLA
BERNEZZO (CUNEO)

Si occupa delle regine dei cieli, le aquile. Dei signori dell’aria, come falchi, poiane, sparvieri. Di gufi e civette. «Qui è l’unico centro dove si ospitano animali selvatici di ogni taglia e specie, che richiedano cure», sottolinea Remigio Luciano, condottiero di una sorta di «arca di Noè», dove ogni anno vengono curati circa 1200 esemplari. Il Centro recupero animali di Bernezzo, tra Cuneo e le montagne, è nato nel 1985. Remigio, allora gestore del piccolo Zoo di Cuneo, fu costretto a smantellare il «giardino pubblico», perché il Comune non rinnovò più la convenzione. Il rischio era che gli animali venissero venduti o, peggio, abbattuti. Ma la famiglia di Luciano ha una casa a Bernezzo ed è lì che gli esemplari hanno trovato nuovo riparo. All’inizio i compaesani guardarono con un po’ di apprensione quell’esperimento, ma presto la diffidenza è stata vinta. E nel 2001, la Provincia di Cuneo ha autorizzato il Cras a operare per il salvataggio e la custodia dei selvatici.

Remigio ha una straordinaria sensibilità per gli animali. Lo affiancano due dipendenti part time, 4 ragazzi in servizio civile e volontari. Ci saranno anche loro, stasera, alla festa del Parco Fluviale di Cuneo a rilasciare alcuni rapaci notturni rimessi in forze: un gufo e tre civette. «Sono molti i pericoli per i selvatici – dice Luciano -: dall’inquinamento ai pesticidi, dalla caccia ai fili dell’alta tensione, dalle auto a tagliole e veleni». Sono stati bocconi nocivi, «lasciati forse per i lupi», ad avvelenare alcune aquile, che il Cras ha soccorso. «Esemplari di aquile reali, con gravi problemi. La prima è stata recuperata in val Maira. L’altra, salvata in valle Stura da un privato, nel marzo 2015, sembrava anemica e denutrita. Le abbiamo tenute ricoverate per qualche giorno, invano». È andata meglio a un biancone, l’«aquila dei serpenti», trovato ferito in val Tanaro: dall’anello di riconoscimento si è scoperto che 4 anni fa era stato soccorso ad Albisola (Savona), medicato a Bernezzo e liberato. Aveva spiegato il responsabile: «È lo stesso animale trovato nel 2012, debilitato e con un problema alla pupilla destra. Ristabilito, lo avevamo liberato a Castelmagno nel 2013». Dopo tre anni e le migrazioni, il rapace è tornato a pochi km di distanza, si è di nuovo ferito ed è stato riconsegnato al Cras.

Ma l’«arca di Remigio» è tanto altro. Nel 2013, per esempio, sono stati ricoverati 94 caprioli, camosci, cinghiali, ghiri, lepri, martore, procioni, tassi, volpi. Fra gli uccelli aironi, capinere, cuculi, ghiandaie, rondini, upupe, scriccioli. Poi rospi, biacchi, tartarughe. Per Remigio ogni animale ha una storia. Ce l’hanno gli ultimi «ospiti»: un picchio nero, una martora, una faina e un’averla capirossa. Ce l’aveva la scimmia Citina, legata a un’antenna di un palazzo a Cuneo, compromessa dall’imprinting umano. «Salviamo gli animali, organizziamo iniziative didattiche – conclude – e siamo un buon punto di monitoraggio della fauna. Come quando abbiamo seguito un grifone, con il Gps, fino in Spagna. La nostra realtà non ha scopo di lucro e le risorse sono scarse. I Comuni ci aiutano, Regione e Provincia faticano. Il sostegno con il 5×1000 sarebbe un’enorme boccata di ossigeno»

Alla Scoperta del Micromondo

Nell’ambito delle iniziative dedicate al compianto Dott. Angelo Morisi, il Centro è lieto di organizzare, in collaborazione col Parco Fluviale Gesso & Stura, una serata divulgativa sugli insetti, prevista alle ore 20:30 di venerdì 20 maggio 2016 presso la Casa del Fiume a Cuneo in Via Porta Mondovì n. 11a.L’ingresso è aperto a tutti, con un libero contributo per il sostentamento del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo.

Si cercherà, in particolare, di sviluppare i seguenti argomenti tematici:

  • insetti selvatici ed insetti domestici;
  • insetti nostri amici, insetti da compagnia ed insetti nemici dell’uomo;
  • gli abitanti storici delle nostre case e dei nostri giardini;
  • i nuovi arrivati: globalizzazione biologica ed insetti alieni;
  • insetti sociali ed insetti solitari: come ‘si parlano’ gli insetti;
  • quando le api (Apis mellifera) sono diventate domestiche.

micromondo

Un’Avventura a Sangue Freddo

Nell’ambito delle iniziative dedicate al compianto Dott. Angelo Morisi, il Centro è lieto di organizzare, in collaborazione col Parco Fluviale Gesso & Stura, una serata divulgativa sui rettili, prevista alle ore 20:30 di venerdì 13 maggio 2016 presso la Casa del Fiume a Cuneo in Via Porta Mondovì n. 11a.
L’ingresso è aperto a tutti, con un libero contributo per il sostentamento del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo.

locandina rettili

Realizzato grazie a WordPress | Tema: Motion di 85ideas | Copyright © Centro Recupero Animali Selvatici | Tutti i Diritti Riservati.
  • RSS
  • Facebook
  • Flickr
  • DeviantArt
  • YouTube

Continuando ad utilizzare il sito, acconsentite all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Le impostazioni di questo sito permettono i cookie per darvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccando il sottostante bottone 'Accetto' acconsentite alle suddette impostazioni.

Chiudi