Categoria: Ricoveri


stercorario-mezzano

Dal sito internet del Parco Naturale Alpi Marittime:

La specie era stata rilevata solo altre due volte

Uno stercorario mezzano (Stercorarius pomarinus) a Vernante. Un uccello che vive sopra il Circolo Polare Artico e migra verso sud per svernare sull’Atlantico e, in qualche caso più sporadico, nel bacino del Mediterraneo.
Lo stercorario è stato trovato dalla signora Isabella Bertaina ed stato affidato alle cure del Parco e a quelle del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo.
L’identificazione, non facile perché il soggetto era un giovane con il piumaggio non ancora definitivo, è stata fatta dagli ornitologi Luca Giraudo, Bruno Caula e Gion Boano.
Il ritrovamento è eccezionale, quasi quanto quello del fulmaro (Fulmarus glacialis) ritrovato a Terme di Valdieri nel 1988, perché la segnalazione dello stercorario mezzano in provincia di Cuneo ha due soli precedenti: nel 1881 a Caraglio e nel 1903 a Cavallermaggiore.
L’uccello, nonostante le cure, è purtroppo deceduto a causa di avvelenamento. Le spoglie sono al momento conservate presso il CRAS in attesa della tassidermizzazione.

Campagna Tesseramento 2017

tessera-2017

Sono aperte le iscrizioni all’associazione Centro Recupero Animali Selvatici ONLUS per l’anno solare 2017, a fronte di un contributo di € 25,00 per i soci ordinari e di € 50,00 per i sostenitori.

La tessera personale ha validità annuale, dal 1° gennaio al 31 dicembre, e quest’anno è stata dedicata alla civetta capogrosso (Aegolius funereus).
Si tratta di una specie piuttosto rara, ma fortunatamente in leggero aumento. Il suo habitat è costituito dall’areale alpino. Vive in simbiosi con il picchio nero (Dryocopus martius), altro animale raro, ma oggi anch’esso in crescita. La civetta capogrosso usa i nidi abbandonati dal picchio nero per deporre le uova e allevare la prole.
La tessera può essere richiesta o rinnovata contattando il Centro ai consueti recapiti.

emu

Dal quotidiano La Stampa di venerdì 2 settembre 2016:

È un animale tipico dell’Australia, simile allo struzzo, probabilmente sfuggito a un ignoto “appassionato”

02/09/2016
LORENZO BORATTO
LEQUIO BERRIA

Un emù (Dromaius novaehollandiae) che girava libero in località Laparea, nel territorio del Comune di Lequio Berria: l’animale, segnalato dai residenti, è stato catturato dal personale del Servizio di vigilanza faunistico ambientale della Provincia.
Si tratta di un uccello tipico dell’Australia, appartenente alla famiglia degli struzzi ed è presumibilmente fuggito a qualche ‘amatore’ o a un allevamento. L’operazione di recupero è stata svolta in collaborazione con il Centro recupero animali selvatici di Bernezzo, dove adesso l’animale è ospite, in attesa che si trovi il proprietario. L’animale è un maschio, è stato battezzato “Emilio”, mangia granaglie e alcuni mangimi appositi.
Non solo non sono pervenute segnalazioni di smarrimento dell’animale, ma anche gli allevamenti di struzzi della zona hanno confemato di non avere emù e non ci sono neppure segnalazioni ai carabinieri o ai servizi veterinari locali dell’A.S.L.
La Provincia invita il proprietario a contattare gli Uffici vigilanza provinciali al numero 0171-445254.

Recuperato e Liberato Tasso a Carrù

tassorecuperato

Grazie alla tempestiva collaborazione degli amici della sezione L.I.D.A. di Carrù, Mondovì e Ceva, è stato possibile recuperare un maschio adulto di tasso (Meles meles) precipitato in un corso d’acqua nel Comune di Carrù, ferito alla schiena da un altro individuo.

Il mustelide ha risposto molto bene alle cure prestate e, dopo qualche giorno, la sua rapida ripresa ha permesso la liberazione dell’esemplare.

IMG_3819

Si sono da poco conclusi i primi lavori di sistemazione e messa in sicurezza della nuova sede distaccata del Centro Recupero Animali Selvatici, situata in località Valle del Falco nel Comune di Sommariva Perno.

L’area, composta da due grandi invasi circondati da un boschetto, sarà principalmente deputata al ricovero del gran numero di testuggini palustre americane (Trachemys scripta) giunte al Centro nel corso degli anni per via di sequestri giudiziari o cessioni da parte di privati, ma conterrà anche una serie di strutture movibili atte a contenere altre specie animali di media e piccola taglia.

Seguiranno prossimamente informazioni sull’inaugurazione ufficiale del neonato distaccamento.

bianconepriola

Dall’edizione di Savona del quotidiano La Stampa di martedì 19 aprile 2016:

“Il rapace è stato trovato ferito nei boschi di Priola in val Tanaro: dall’anello di riconoscimento gli animalisti hanno scoperto che quattro anni fa era già stato soccorso ad Albisola

«Sono emozionato. È un evento raro». Non nasconde l’entusiasmo Remigio Luciano, responsabile del Centro recupero animali selvatici di Bernezzo (Cuneo), quando nella sede del Cras, è arrivato un ospite speciale: un biancone (Circaetus gallicus) o «aquila dei serpenti», tra le specie più rare in Europa. L’animale è stato raccolto, ferito, nei boschi di Priola, in alta val Tanaro, da un cacciatore che lo ha consegnato ai volontari della difesa animali di Garessio. All’arrivo nel Cras, la sorpresa. «Il biancone, una femmina adulta, ha l’anello di riconoscimento – spiega il responsabile. Abbiamo scoperto che è lo stesso animale trovato nel 2012, debilitato e con un problema alla pupilla destra, ad Albisola Superiore dalla Protezione Animali di Savona che, dopo le prime cure ce l’aveva consegnato il 29 settembre di quell’anno. Ristabilito, lo avevamo liberato a Castelmagno il 26 maggio 2013». Ebbene, a tre anni di distanza e dopo essere migrato ogni autunno verso l’Africa, dove “sverna”, in quanto la sua dieta preferita è composta di ofidi, sauri ed insetti, il rapace è tornato nella stessa zona, a pochi chilometri di distanza. Qui ancora una volta si è ferito ed è stato consegnato al CRAS di Bernezzo. Ora il biancone ha un trauma da urto, è debilitato e ancora con problemi alla pupilla destra. Resta in osservazione, nella speranza che il danno non sia stato causato dai fili dell’alta tensione e che possa quindi essere liberato al più presto, per poter nidificare. «Un evento singolare – osservano gli zoofili – ma sempre meno raro, di concreta difesa della biodiversità e di animali rari, grazie all’attività ed alla collaborazione di associazioni private di volontari come ENPA Savona e CRAS Bernezzo, mentre le istituzioni che per legge dovrebbero provvedere al soccorso della fauna selvatica continuano a latitare; in Liguria è compito della Regione, mentre nel Parco regionale del Beigua, che ogni anno festeggia il passaggio dei bianconi, a soccorrere i feriti sono solo i volontari dell’Enpa, anche dopo che la convenzione, di poche centinaia di euro che la presidenza del 2012 aveva riconosciuto, non viene più rinnovata dal nuovo presidente».

Dal quotidiano La Stampa di sabato 20 febbraio 2016:

La Stampa 20-02-2016

Photogallery del Centro Ricci La Ninna su La StampaTV – Cuneo.

La Cheratocongiuntivite Infettiva

Infezione oculare che tende a colpire la popolazione di Bovidi selvatici (Camoscio, Stambecco, Muflone);
viene veicolata da ditteri, si presenta periodicamente, in fase crescente e poi decrescente ogni dieci anni circa.
I dati del CRAS di Bernezzo:

  • 2005 : 1 caso (dicembre);
  • 2006 : 13 casi;
  • 2007: 16 casi;
  • 2008 : 6 casi;
  • 2009: 1 caso;
  • 2010: 2 casi;
  • 2011: 1 caso;
  • 2012 : ultimo caso (giugno);
  • 2015 : 1° caso (dicembre).

Questo ci fa presupporre che dovremo prepararci negli anni 2016 – 2017 ad una recrudescenza della malattia.
Nella nostra esperienza, in provincia di Cuneo, l’espansione dell’infezione si ha da nord a sud, inizia in Valle Po e si estende nel tempo per concludersi in Valle Tanaro.
Le fasi dell’infezione sono 4 stadi:

  1. Fase: l’animale vaga in maniera anomala, non lineare, ad occhio nudo non si vedono lesioni e la pupilla è leggermente opaca.
  2. Fase: l’animale vaga spostandosi in grandi cerchi ed inciampa spesso.
  3. Fase: si notano bene anche ad occhio nudo dei solchi crostosi sul lacrimatoio , gira spesso su se stesso e presenta un forte dimagrimento.
  4. Fase: l’animale è quasi sempre coricato e, se si muove, cade più volte consecutivamente, il più delle volte ha già subito o un trauma cranico o una frattura agli arti.

Se il tutto capita ad alte quote l’animale segue il suo destino, in molti casi può recuperare e superare la malattia, soprattutto se non vi sono condizioni atmosferiche avverse, se invece capita a quote più basse è probabile che raggiunga abitazioni e strade frequentate  ed è questo il caso di segnalarlo alle autorità competenti (Comune, Provincia, ASL, CA , G P) onde evitare possibili cause di incidenti stradali . I suddetti Enti provvederanno a farlo pervenire al CRAS.
Se la malattia è presa nelle prime tre fasi,  la probabilità di recupero è del 60%, la degenza è di 30 / 40 giorni.

NORME PER IL SOCCORSO DEGLI ANIMALI MALATI AD ESCLUSIVO USO DEGLI OPERATORI QUALIFICATI ED ENTI PREDISPOSTI, EVITARE  IL FAI DA TE!

L’animale deve essere avvicinato cautamente evitando ogni sorta di rumore; lanciare un telo sul capo, immobilizzare l’animale tenendolo per le corna, evitare di agguantarlo agli arti, farlo entrare in una cassa da trasporto ungulati, guidare evitando sobbalzi e curve repentine.
L’incaprettatura è sconsigliata in quanto, negli anni, ci siamo accorti che è un grave problema per lo stress dell’animale.

Campagna Tesseramento 2016

Tessera socio fronte

Sono aperte le iscrizioni all’associazione Centro Recupero Animali Selvatici ONLUS per l’anno solare 2016, a fronte di un contributo di € 25,00.

La tessera personale ha validità annuale, dal 1° gennaio al 31 dicembre, e quest’anno è stata dedicata alla donnola (Mustela nivalis), un piccolo mustelide in via d’estinzione, recuperata quest’estate a Bottonasco, in seguito ad un’aggressione da parte di un gatto. La tessera può essere richiesta o rinnovata contattando il Centro ai consueti recapiti.

Maggiori Informazioni

Realizzato grazie a WordPress | Tema: Motion di 85ideas | Copyright © Centro Recupero Animali Selvatici | Tutti i Diritti Riservati.
  • RSS
  • Facebook
  • Flickr
  • DeviantArt
  • YouTube

Continuando ad utilizzare il sito, acconsentite all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Le impostazioni di questo sito permettono i cookie per darvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccando il sottostante bottone 'Accetto' acconsentite alle suddette impostazioni.

Chiudi